Bonus Casa, ecco le regole 2016

    La legge di Stabilità 2016, approvata dal consiglio dei ministri il 15 ottobre, conferma a tutto il prossimo anno il pacchetto del cosiddetto Bonus Casa, ovvero l’ecobonus al 65% e le detrazioni Irpef al 50% su ristrutturazioni edilizie e acquisto di mobili. La norma, che dovrà essere confermata dal Parlamento entro la fine dell’anno, prevede anche qualche novità. Innanzitutto, aumentano i beneficiari. Oltre a persone, professionisti e società, potranno richiedere le agevolazioni anche gli enti di gestione delle case di edilizia residenziale pubblica che avranno a disposizione per ammodernare il datato patrimonio immobiliare popolare anche un fondo-manutenzioni di 170 milioni di euro.

    L’ecobonus prevede una detrazione Irpef o Ires del 65% spalmata su 10 anni per aumentare l’efficienza energetica degli edifici esistenti: impianti fotovoltaici, coperture di tetti e isolanti termici, porte e finestre che riducano la dispersione di calore e nuovi impianti di climatizzazione invernale. L’agevolazione è stata confermata anche per i lavori di adeguamento antisismico della prima casa e delle attività produttive in zone sensibili.

    La detrazione è invece al 50%, sempre ripartita su 10 anni, per le ristrutturazioni edilizie senza miglioramento energetico con una spesa massima di 96mila euro. Rientrano nell’elenco delle opere ammesse anche la manutenzione ordinaria e straordinaria effettuata sulle parti comuni di un edificio residenziale oppure su una singola unità immobiliare, la ricostruzione dopo un evento atmosferico straordinario a patto che venga dichiarato lo stato di emergenza e i lavori eseguiti da imprese di costruzione, di ristrutturazione o da cooperative edilizie che provvedano entro 18 mesi dal termine alla successiva alienazione o assegnazione dell’immobile.

    Fino al 31 dicembre 2016 sarà valevole infine il bonus mobili con la possibilità di scaricare il 50% delle spese sostenute fino a 10.000 euro per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici in classe A+ (e classe A per i forni) da collocare nell’immobile oggetto della ristrutturazione. Se il testo approvato dal consiglio dei ministri dovesse essere confermato in aula, l’agevolazione sarà estesa agli under 35 che decidono di metter su famiglia con una detrazione del 50% fino a 20mila euro per l’acquisto di arredi destinati all’abitazione principale appena acquistata, anche senza ristrutturazione.

    Infine è bene fare attenzione a una clausola importante: per usufruire delle detrazioni è necessario aver effettuato il pagamento tramite il cosiddetto “bonifico parlante“, ovvero il bonifico bancario o postale che indica la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione e il numero di partita Iva o codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato.

    28 ottobre 2015

    Articoli in evidenza

    Come fare

    Riqualificazione dei sottotetti: rendimenti fino al 24%

    21.10.2015

    Le ristrutturazioni sono in questo momento una buona soluzione per investitori e imprenditori. Il Laboratorio Gesti.Tec del Politecnico di Milano ha condotto uno studio per…

    Leggi articolo

    Come fare

    Riforma del catasto, si spera nella Legge di Stabilità

    7.10.2015

    Di riforma del catasto si parla da almeno 10 anni. Aggiornare un sistema datato 1939 è più che necessario per definire il valore odierno degli…

    Leggi articolo

    Come fare

    Cosa sono i vizi occulti e cosa fare nel caso si presentino quando si acquista un immobile

    13.5.2021

    Vizi occulti di un immobile: che cosa sono? Come si ottiene un rimborso o la riduzione del prezzo? Ecco come procedere in caso di difetti preesistenti pervenuti su un immobile appena acquistato.

    Leggi articolo

    Come fare

    Come ristrutturare il bagno e sfruttare le agevolazioni fiscali

    29.6.2015

    Per ristrutturare il bagno è possibile beneficiare di alcune detrazioni fiscali, ma a due condizioni: l’immobile deve essere ad uso residenziale i lavori che si andranno…

    Leggi articolo

    Come fare

    Negoziazione assistita obbligatoria: che cos’è e come funziona

    27.8.2015

      Il Decreto Giustizia, entrato in vigore a febbraio 2015, ha introdotto nell’ordinamento italiano una nuova possibilità di evitare le lungaggini e i costi di…

    Leggi articolo

    Come fare

    Case Green, il futuro è adesso

    7.10.2015

    Il patrimonio immobiliare italiano è obsoleto. Secondo Nomisma, l’83,6% degli edifici nel nostro Paese è stato costruito più di 20 anni fa e solo il…

    Leggi articolo

    Come fare

    Dall’IFA di Berlino la domotica del futuro

    7.10.2015

    In Italia il mercato della domotica è in crescita. Sostenuto anche dagli incentivi fiscali del Governo, dal 50 al 65% per la ristrutturazione edilizia e…

    Leggi articolo

    Come fare

    Fotovoltaico, quanto conviene?

    7.10.2015

    Scadono ufficialmente il 31 dicembre 2015 le detrazioni Irpef dal 50 al 65% per i Bonus Ristrutturazioni ed Energia, valide anche per l’installazione degli impianti…

    Leggi articolo
    tetti-risparmio-energetico

    Come fare

    Tetto a risparmio energetico: tre soluzioni hi-tech per la salvaguardia dell’ambiente

    23.11.2022

    I tetti a risparmio energetico rappresentano una soluzione per rendere la propria casa più sostenibile, riducendo i consumi e salvaguardando l’ambiente. Ma aiutano anche a migliorare la qualità della vita tra le mura domestiche.

    Leggi articolo

    Come fare

    Parquet, è l’ora di sceglierlo

    7.7.2015

    Sostituire il vecchio pavimento di casa con un elegante parquet a listoni oggi non è più economico. I nuovi materiali in commercio (prefinito, multistrato, gres,…

    Leggi articolo

    Come fare

    Il cohousing è la casa del futuro

    21.7.2015

    Condividere le bollette, la spesa, la macchina. Ma anche la lavatrice, i giochi dei bambini e l’orto. Questo è il principio alla base del cohousing….

    Leggi articolo