III trimestre 2017: prezzi delle abitazioni ancora in ribasso secondo l’ISTAT

    Prosegue il ribasso dei prezzi delle abitazioni. Lo conferma il rapporto ISTAT sul prezzo delle abitazioni del III trimestre 2017, che mostra un’ulteriore diminuzione. La tendenza al ribasso dei prezzi, che ha attraversato l’intero anno appena trascorso, trova conferma nei dati raccolti dall’ISTAT, riferiti al III trimestre 2017. Ecco le informazioni più interessanti estratte dal rapporto.

    Cos’è l’IPAB

    L’IPAB è l’Indice dei Prezzi delle Abitazioni, e ne misura l’andamento per le case acquistate dalle famiglie in Italia, sia per fini abitativi che di investimento. La rilevazione dell’ISTAT analizza la variazione nel tempo di questi valori, non solo per le compravendite che avvengono tra una famiglia e l’altra, ma anche per quelle tra operatori del mercato e famiglie. L’Istituito basa le sue analisi trimestrali sui prezzi rilevati nel mercato e in particolare sui dati dell’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate.

    III trimestre 2017: i prezzi continuano a calare

    Nel III trimestre 2017, i prezzi delle abitazioni hanno subito un calo dello 0,5%, portando in media a un calo dello 0,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le case esistenti sono le più interessate dalla diminuzione. La riduzione del loro valore su base annua registra un calo del -1,5% rispetto al -0,5% dello scorso trimestre. Le abitazioni nuove, d’altra parte, mostrano una crescita sempre più rapida dei prezzi, passando da un +0,3% a un +0,6%. Questo implica che la forbice tra la variazione tendenziale dei prezzi delle case già esistenti e quella delle case di nuova costruzione si amplia ulteriormente, arrivando a -1,9% da -0,8% dello scorso trimestre.

    La tendenza dal 2010

    Dal 2010, anno in cui è stato istituito l’IPAB, al terzo trimestre del 2017 i dati indicano una variazione in negativo della media dei prezzi che arriva al -15,2%. Come notato anche per le differenze tra i trimestri di uno stesso anno, sono i valori delle abitazioni già esistenti ad avere il peso maggiore in questa diminuzione.

    Case già esistenti: – 20,5% dal 2010

    Case di nuova costruzione: -2,0% dal 2010

    Compravendite ancora in aumento

    Il settore residenziale registra in media un calo dei prezzi, ma conferma una crescita invece del volume degli scambi. L’aumento delle compravendite mostra un +1,5% rispetto allo stesso periodo del 2016. È la crescita minore registrata dal picco del +23,2% avvenuto nel secondo trimestre del 2016, ma si tratta in ogni caso di una crescita che si mantiene ininterrotta dal secondo trimestre del 2015.

    6 marzo 2018

    Articoli in evidenza

    Andamento delle compravendite

    La Storia lo prova: investire nel mattone conviene

    5.3.2018

    L’investimento migliore degli ultimi 150 anni? Il mattone. Scopriamo assieme perché i ricercatori premiano gli investimenti immobiliari

    Leggi articolo

    Andamento delle compravendite

    Immobili Commerciali: bene Europa e Italia nel II Trimestre 2017

    19.1.2018

    Cresce il mercato degli immobili commerciali in Italia e in Europa. Lo conferma il Global Commercial Monitor Report di RICS. Ecco le metropoli più attive

    Leggi articolo

    Andamento delle compravendite

    L’Europa dell’immobile torna a crescere

    12.1.2018

    La ripresa economica europea coinvolge anche il mercato immobiliare. Un quadro sintetico, ma completo degli stati più attivi in quanto a compravendite.

    Leggi articolo

    Andamento delle compravendite

    III Trimestre 2017: mercato residenziale resta positivo

    5.2.2018

    Anche il III trimestre 2017 conferma il buon momento del mercato immobiliare italiano. I dati più importanti e le curiosità raccolte da Banca d’Italia

    Leggi articolo