Scenari Immobiliari: fatturato in crescita del 3,6% nel 2016

    Il mercato immobiliare sta andando meglio dell’economia in generale. In Europa l’incremento del fatturato immobiliare 2015 è stato del 3,1% e le previsioni parlano di un ulteriore aumento del 5,3% nel 2016. I dati dell’Italia 3D Outlook di Scenari Immobiliari raccontano una crescita nel nostro Paese di poco inferiore, pari al 3,6%, ma comunque migliore rispetto agli anni passati. Se il 2015 si è chiuso con 111 miliardi di euro di ricavi, nel 2016 potrebbero crescere ancora e raggiungere quota 115 miliardi. I prezzi rimarranno sostanzialmente stabili, in aumento nelle top location con particolare vivacità a Milano e Roma. L’Italia attira l’interesse degli investitori immobiliari mondiali e il volume di acquisti, sia diretti che attraverso fondi, è ritornato ai livelli pre-crisi.

    Il settore immobiliare che ha generato più fatturato è quello residenziale. Nel 2015 ha raggiunto 83 miliardi di euro, pari a una crescita del 2,5% rispetto al 2014 che nel 2016 aumenterà ancora di un paio di miliardi fino al +3,6%.

    La crescita relativa più consistente invece è quella del terziario/uffici che è incrementata del 5% pari a un volume di 6,3 miliardi nel 2015 che nel 2016 sostanzialmente rimarrà invariato.

    Previsioni meno brillanti per il settore industriale che passerà da un +3,7% del 2015 a un -1,2% del 2016. La causa sarebbe da attribuire al comparto produttivo/artigianale, che dopo una crescita del 50% nel 2015 si fermerà a 0 nel 2016.

    Scenari Immobiliari spinge le stime fino al 2020 e individua per il futuro un consistente aumento dei fatturati in tutti i principali Paesi europei, grazie alla probabile allocazione di una parte dei capitali in fuga dall’Asia. Una tendenza al ridimensionamento è ipotizzabile nell’ultima parte del decennio, anche come conseguenza della progressiva trasformazione della domanda che richiederà la realizzazione di importanti investimenti per la riqualificazione dell’esistente e l’efficientamento dello stock nella maggior parte dei comparti. Il fenomeno sarà più evidente in Italia in quanto il processo di trasformazione nel nostro Paese è in ritardo rispetto alle nazioni concorrenti.

    La maggiore sfida dei prossimi anni sarà la capacità del mercato immobiliare di rispondere alle nuove richieste nei comparti a maggiore potenziale di sviluppo, come coworking, housing sociale, residenze universitarie.

     

     

    25 febbraio 2016

    Articoli in evidenza

    Andamento delle compravendite

    Istat: i prezzi delle case aumentano

    27.1.2016

    Dopo la notizia relativa all’aumento delle compravendite, arriva anche quella positiva sull’incremento dei prezzi delle case, per la prima volta dopo 4 anni. A darne…

    Leggi articolo

    Andamento delle compravendite

    Vendere e comprare: le previsioni del 2016

    27.1.2016

     Il 2016 potrebbe essere l’anno giusto per acquistare un immobile ad uso residenziale, sia come abitazione che per investimento. Come si legge nello speciale Happy…

    Leggi articolo