Brindisi: una città in forte ripresa

    Buone notizie per il mercato immobiliare della città di Brindisi nei primi mesi del 2019. Dopo alcuni anni di calo delle transazioni e dei prezzi, iniziato nel 2012 a seguito della crisi globale e proseguito fino al 2016, si conferma il trend di crescita che già a fine 2018 aveva raggiunto il +3,7% rispetto all’anno precedente. Questi numeri riportano ufficialmente la città ai livelli pre-crisi, mostrando dinamicità nel numero delle compravendite e stabilità invece per quanto riguarda i prezzi.

    Prezzi e tipo di immobili preferiti per l’acquisto a Brindisi

    Gli immobili maggiormente oggetto di scambi si rivelano essere gli appartamenti di 3 vani, corrispondenti a dimensioni di circa 90 metri quadri. I quartieri che vedono un volume maggiore nelle compravendite sono quelli di Rione Commenda, Rione Cappuccini e Santa Chiara, tutte zone centrali e che offrono molti servizi.

    Aumentano inoltre gli acquirenti di prima casa, diminuendo così la percentuale degli “acquisti di sostituzione”, che avevano dominato il mercato finora. In questo senso vanno anche i dati sul tempo medio di vendita (sceso a 7,6 mesi) e sullo sconto che si ottiene in trattativa, calato anch’esso al 14,7%.

    I prezzi, come anticipato, rimangono sostanzialmente stabili. In media, considerando tutti i quartieri di Brindisi, questi sono i valori al metro quadro per tipologia:

    • signorile usato: tra gli 800 e i 1.200 euro
    • signorile nuovo/restaurato: tra i 1.100 e i 2.000 euro
    • medio usato: tra i 700 e i 1.000 euro
    • medio nuovo/ristrutturato: tra i 950 e i 1.650 euro

    Brindisi

    Una ripresa non solo immobiliare

    La città di Brindisi è in ripresa, quindi, non solo dal punto di vista del mercato immobiliare, ma anche più in generale dal punto di vista di qualità della vita. Ad esempio, sono stati da poco approvati gli investimenti per la riqualificazione del quartiere Paradiso e del Parco Bove: cinque milioni di euro dalla Regione Puglia destinati a piste ciclabili, fognature, aree pedonali, ma anche lotta alla povertà e inclusione sociale. La volontà di mettere in moto una serie di azioni positive per la comunità sembra evidente.

    Una città, una storia

    Da sempre Brindisi è stato un crocevia di culture e un importante polo economico e culturale. Questo grazie alla sua posizione favorevole, proiettata verso Oriente, ma anche grazie al porto naturale che la contraddistingue e da cui sono originati i primi insediamenti.

    La sua vicenda è storia di alterne fortune, con periodi di crescita, seguiti a periodi di decadenza.

    Questo è evidente soprattutto nei quartieri di San Pietro degli Schiavoni, del Teatro Verdi o delle Sciabiche, dove in epoca contemporanea sono stati implementati pesanti lavori di riqualificazione, caratterizzati da molti scavi e demolizioni. È sempre in quest’epoca, dal 1950 in poi, che nascono i quartieri più esterni al centro storico, come Commenda, Sant’Angelo, Cappuccini, oppure Sant’Elia, Pozzano e Santa Chiara. Queste zone mostrano una pianificazione urbanistica più ragionata, che infatti ha portato a sviluppare anche una sorta di “città-giardino” nel quartiere di Casale, ora zona prettamente residenziale.

    Brindisi è una città che ha visto alternarsi momenti di decadenza a quelli in cui rappresentava invece il fulcro della vita culturale ed economica della regione. Nell’ultimo periodo sembra però aver trovato la sua strada verso il miglioramento, come si può notare dalla vivacità del suo mercato immobiliare, ma anche da altri indicatori, come la classifica della qualità della vita del Sole 24 Ore. Qui, nonostante rimanga nelle retrovie, Brindisi ha infatti guadagnato 8 posizioni rispetto al 2017, mostrando una tendenza alla crescita che lascia ben sperare.

    Articoli in evidenza

    Andamento delle compravendite

    Anche il Financial Times consiglia la Puglia

    12.5.2016

    Riflettori internazionali puntati sulla Puglia che nel 2015 è stata la prima meta in Italia per gli acquirenti provenienti dall’estero, superando anche Toscana e Sardegna….

    Leggi articolo
    Napoli Mercato Immobiliare Sud Italia

    Vendere comprare nelle città

    Dove comprare casa a Napoli, Salerno e Bari: il mercato immobiliare nel Sud Italia

    1.12.2016

    Il mercato immobiliare nel Sud Italia nel 2016: scopri le dinamiche dei prezzi e i quartieri più interessanti nelle città di Napoli, Salerno e Bari.

    Leggi articolo
    vendere-casa-agli-stranieri

    Come fare

    Come vendere casa agli stranieri

    12.7.2019

    Vendere casa agli stranieri è un trend in forte crescita in Italia. Attenzione, però: per una compravendita di questo tipo bisogna prendere alcuni accorgimenti

    Leggi articolo

    Come fare

    Scenari Immobiliari: cresce il mercato immobiliare del Sud

    8.4.2016

    La Puglia, secondo Scenari Immobiliari, è stata nel 2015 la prima meta per gli acquirenti privati provenienti dall’estero, superando anche Lazio e Sardegna: hanno scelto…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Taranto guarda al futuro

    12.5.2016

    La Puglia è stata nel 2015 la prima meta per gli acquirenti privati provenienti dall’estero, superando anche Lazio e Sardegna: hanno scelto questa regione 1.400…

    Leggi articolo