Le periferie cambiano volto. Renzo Piano e il Giambellino di Milano

    Periferia sud-ovest di Milano, il Giambellino è famoso grazie a una canzone di Giorgio Gaber, La ballata del Cerutti. Si trova a un passo dai Navigli e da via Tortona, gioielli della Milano post-Expo, appena riqualificati con un investimento di 20 milioni di euro. Ed è proprio sul Giambellino che l’archistar genovese Renzo Piano ha deciso di puntare il suo mirino, consegnando alla cittadinanza un progetto ad hoc di riqualificazione della periferia che potrebbe, nel tempo, portare anche a benefici sul valore economico dell’area.

    Ad occuparsi del disegno in realtà sono stati i 4 giovani architetti della squadra G124, dal nome della stanza di Renzo Piano a Palazzo Giustiniani. Ed è con il suo stipendio da senatore a vita, circa 13.000 euro al mese, che l’archistar paga lo stipendio a promettenti professionisti, diversi ogni anno, impegnandoli sulla progettazione di una periferia urbana. Nel 2015 hanno lavorato fianco a fianco la squadra di Piano e le associazioni di quartiere. Per un anno hanno pensato a come riqualificare il quadrilatero delle case popolari Aler vicino al mercato di Lorenteggio, all’altezza del numero 4 di via Segnesi.

    Le idee messe in campo non hanno voluto stravolgere il volto del quartiere, ma migliorare la percezione che ne hanno i suoi residenti. I capisaldi del progetto vidimato da Renzo Piano sono quattro: ricucire i percorsi pedonali connettendoli alle due nuove stazioni della metro; riaprire i cortili condominiali per favorire le relazioni al riparo da episodi di criminalità; rilanciare il mercato per sostenere il consolidamento del tessuto sociale; creare una piazza aprendo il parco di via Odazio antistante il mercato valorizzando il verde esistente. L’interesse di Piano per le periferie non è casuale, si calcola che in Italia circa il 90% degli abitanti delle città viva lontano dal centro.

    Come dice lui stesso: “Le periferie sono la città che sarà, la parte più popolata, ma anche più fragile del tessuto urbano. Quella che lasceremo ai nostri figli”. Il progetto di G124 sul Giambellino è stato consegnato al quartiere, spetterà ai suoi abitanti trovare il modo per concretizzarlo. Questo approccio non ha bisogno di grandi finanziamenti e di pianificazioni, nasce nel quartiere e opera per mezzo di micro-cantieri partecipati. Ecco perché il G124 ha prodotto anche un manuale dal titolo “Piccoli consigli per il rammendo: riparare, mantenere e abitare in periferia” che è stato poi distribuito in tutta la zona. Qualche cambiamento infatti è già stato fatto: l’abbattimento del muro che separava il mercato dal parco e quello che divideva i cortili dei vari caseggiati. «Abbiamo cominciato creando così spazi condivisi dove incontrarsi e conoscersi – ha spiegato Renzo Piano – perché le barriere fisiche sono anche mentali».

    Articoli in evidenza

    Vendere comprare nelle città

    Bari, il fascino delle due città

    11.11.2015

    Antico crocevia del Mediterraneo, a Bari si respira la tipica atmosfera di quelle città di mare che sono state plasmate nei secoli dalle tante civiltà…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Genova, i quartieri in cui investire

    11.11.2015

    Mercato immobiliare in ripresa a Genova, dove le compravendite salgono di nuovo dopo un inizio anno difficile. Continuano invece a scendere i prezzi: da gennaio…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Milano dopo Expo: come cambiano i quartieri nella zona dell’esposizione universale

    19.11.2015

    Ora che Expo è giunta al termine, Milano si interroga su come conservare il patrimonio rimasto sul territorio. Non si tratta solo di sfruttare l’enorme…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Napoli, occasioni per investimenti immobiliari

    29.10.2015

    I prezzi a Napoli sono scesi sensibilmente negli ultimi anni. Secondo la Camera di Commercio, dal 2007 ad oggi il deprezzamento sarebbe stato del 15%….

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Palermo, il mercato immobiliare è in crescita

    21.10.2015

    Palermo è la seconda città d’Italia, dopo Torino, dove l’aumento degli scambi è stato più consistente. Rispetto al 2014, da aprile a giugno di quest’anno,…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Bologna, i quartieri in cui acquistare

    7.10.2015

    Città universitaria per eccellenza, Bologna, detta “La Dotta”, ha un mercato immobiliare vivo, che continua la sua ripresa, nonostante il numero di scambi si sia ridotto…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Torino si trasforma in città della cultura

    7.10.2015

    Torino sta vivendo un profondo cambiamento e sta cercando di convertire il suo passato industriale in un futuro da città della cultura. La più grande…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Giubileo a Roma, come cambia il centro città

    7.10.2015

    Il mercato immobiliare a Roma è in fase di ripresa. Soprattutto nel centro storico e nelle zone a ridosso del Vaticano. A influenzare l’incremento della…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Lago di Como, il preferito dagli stranieri

    7.10.2015

    Oltre 4,000 euro è il prezzo medio di un metro quadro a Laglio, paese di appena 957 abitanti affacciato sul Lago di Como e reso celebre…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    L’Expo fa bene alla Milano del mattone

    7.10.2015

    Dopo 10 anni di abbandono e 18 mesi di lavori, ha riaperto a fine aprile la Darsena, l’antico porto di Milano in zona Porta Ticinese….

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Firenze, il mercato immobiliare attrae acquirenti stranieri

    7.10.2015

    Firenze è la quarta città più visitata d’Italia e la terza per incremento del settore immobiliare residenziale con 1.122 scambi. Meta da sogno per qualunque…

    Leggi articolo