Milano dopo Expo: come cambiano i quartieri nella zona dell’esposizione universale

    Ora che Expo è giunta al termine, Milano si interroga su come conservare il patrimonio rimasto sul territorio. Non si tratta solo di sfruttare l’enorme visibilità che la città ha conquistato, facendo da sfondo all’assalto di oltre 21 milioni di persone di 6 mesi. Ma anche di valorizzare le infrastrutture, i trasporti, le riqualificazioni urbane che hanno interessato l’area metropolitana e che ora restano a vantaggio dei milanesi.

    Milano si è risvegliata dai sei mesi di Expo profondamente cambiata. Basti pensare al quartiere Isola, dove le quotazioni sono schizzate tra i 5.000 e gli oltre 10.000 euro al metro quadro complici anche i nuovi palazzi-simbolo della città, come il Bosco Verticale e l’UniCredit Tower, la stazione Garibaldi e l’appena inaugurata metro Lilla. L’arrivo della Fondazione Prada in zona Lodi ha riqualificato l’area e c’è da scommettere che i prezzi, che ora sono in media di 1.500 euro, saliranno presto.

    Un altro quartiere completamente rimesso a nuovo è quello della Darsena, tornato alla vita dopo 10 anni di abbandono, nel quale i prezzi sono schizzati da 3.000 fino a 5.000 euro al metro quadro. L’Expo ha suscitato interesse soprattutto da parte dei grandi marchi internazionali dello shopping che stanno aprendo punti vendita di rappresentanza nelle zone più calde del centro.

    Oltre ai classici Quadrilatero, Cordusio, Cairoli e Brera, tra i quartieri più ambiti nella parte sud di Milano ci sono i Navigli e corso di Porta Ticinese. I prezzi di compravendita sono di circa 11.000 € al mq in via Torino e si scende a 6.000 € al mq verso Porta Genova, dove sorge anche il Mercato Metropolitano, nuova mecca dei gourmand che non vogliono rinunciare alle prelibatezze alimentari scoperte ad Expo.

    Il destino dell’area espositiva a Rho, invece, sembra ormai segnato: il Governo ha annunciato la volontà di predisporre un investimento da 150 milioni di euro l’anno per i prossimi 10 anni per realizzare “Human Technopole. Italy 2040”, un centro mondiale di ricerca e tecnologia applicata alle scienze della vita, genomica, big data e nutrizione. La struttura occuperà una superficie di circa 70mila metri quadrati su un totale di un milione e 100mila, di cui circa la metà destinata a verde. Il resto sarà sviluppato con progetti immobiliari da Arexpo, la società proprietaria dell’intera area.

    L’Università, inoltre, sta elaborando uno studio per trasferire a Rho le facoltà scientifiche e liberare così spazio in centro per il Politecnico e per nuovi insediamenti residenziali di qualità in zona Città Studi, dove oggi un metro quadro è venduto a più di 3.500 euro.

     

     

     

    Articoli in evidenza

    Vendere comprare nelle città

    Bari, il fascino delle due città

    11.11.2015

    Antico crocevia del Mediterraneo, a Bari si respira la tipica atmosfera di quelle città di mare che sono state plasmate nei secoli dalle tante civiltà…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Genova, i quartieri in cui investire

    11.11.2015

    Mercato immobiliare in ripresa a Genova, dove le compravendite salgono di nuovo dopo un inizio anno difficile. Continuano invece a scendere i prezzi: da gennaio…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Napoli, occasioni per investimenti immobiliari

    29.10.2015

    I prezzi a Napoli sono scesi sensibilmente negli ultimi anni. Secondo la Camera di Commercio, dal 2007 ad oggi il deprezzamento sarebbe stato del 15%….

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Palermo, il mercato immobiliare è in crescita

    21.10.2015

    Palermo è la seconda città d’Italia, dopo Torino, dove l’aumento degli scambi è stato più consistente. Rispetto al 2014, da aprile a giugno di quest’anno,…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Bologna, i quartieri in cui acquistare

    7.10.2015

    Città universitaria per eccellenza, Bologna, detta “La Dotta”, ha un mercato immobiliare vivo, che continua la sua ripresa, nonostante il numero di scambi si sia ridotto…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Torino si trasforma in città della cultura

    7.10.2015

    Torino sta vivendo un profondo cambiamento e sta cercando di convertire il suo passato industriale in un futuro da città della cultura. La più grande…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Giubileo a Roma, come cambia il centro città

    7.10.2015

    Il mercato immobiliare a Roma è in fase di ripresa. Soprattutto nel centro storico e nelle zone a ridosso del Vaticano. A influenzare l’incremento della…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Lago di Como, il preferito dagli stranieri

    7.10.2015

    Oltre 4,000 euro è il prezzo medio di un metro quadro a Laglio, paese di appena 957 abitanti affacciato sul Lago di Como e reso celebre…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    L’Expo fa bene alla Milano del mattone

    7.10.2015

    Dopo 10 anni di abbandono e 18 mesi di lavori, ha riaperto a fine aprile la Darsena, l’antico porto di Milano in zona Porta Ticinese….

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Firenze, il mercato immobiliare attrae acquirenti stranieri

    7.10.2015

    Firenze è la quarta città più visitata d’Italia e la terza per incremento del settore immobiliare residenziale con 1.122 scambi. Meta da sogno per qualunque…

    Leggi articolo