Taranto guarda al futuro

    La Puglia è stata nel 2015 la prima meta per gli acquirenti privati provenienti dall’estero, superando anche Lazio e Sardegna: hanno scelto questa regione 1.400 famiglie, cioè il 22% su un totale di 6.300 investitori. Il dato, diffuso da Scenari Immobiliari, riguarda soprattutto le zone più turistiche del Salento.

    Esiste un’altra Puglia, meno sotto i riflettori. E’ il caso di Taranto, sullo Ionio, uno dei porti più importanti d’Italia, dove il mercato immobiliare è debole anche se in leggero miglioramento.

    Per la prima volta dal 2008 si percepisce un minimo aumento dell’offerta nel residenziale a Taranto, a fronte di una domanda modesta. Il volume delle transazioni risulta in crescita dell’8,1%, mentre i prezzi degli immobili, gli sconti sul prezzo richiesto e i tempi di vendita e locazione sono in diminuzione.

    Tra le importanti novità all’orizzonte, il concorso internazionale di idee per il recupero, la riqualificazione e la valorizzazione della Città Vecchia, un progetto di cui a Taranto si parla da almeno 40 anni e che sembra oggi vicino al rilancio. Arriveranno in città architetti di fama mondiale che presenteranno scadenze e cronoprogrammi precisi per trasformare un’area degradata dal forte potenziale. Il bando per partecipare sarà pubblicato a maggio e a novembre saranno noti i vincitori. Parallelamente, il Comune dovrà partecipare alla riqualificazione territoriale ed immobiliare grazie a uno stanziamento di 260 milioni di euro elargiti dal Governo per lo sviluppo del Mezzogiorno.

    Un altro importante progetto che potrà trasformare il volto di Taranto è il piano di riqualificazione del waterfront portuale compreso tra i moli Sant’Eligio e San Cataldo con la realizzazione di un Centro Servizi Polivalente. La struttura servirà a proteggere i tratti di costa sottoposti all’azione erosiva del moto ondoso, migliorerà il sistema di interazione porto-città, il percorso pedonale sulla linea di frontiera tra porto, città e mare, e sarà uno spettacolare affaccio sul mar Grande che restituirà alla comunità tarantina un nuovo spazio pubblico. Il progetto è stato presentato al meeting UrbanPromo dell’Istituto Nazionale di Urbanistica come esempio di rigenerazione urbana di successo.

     

     

    Articoli in evidenza

    Vendere comprare nelle città

    A Palermo volano le compravendite

    8.4.2016

    Palermo è la seconda città d’Italia dove l’aumento delle compravendite nel 2015 è stato più significativo, dopo Milano. Secondo il rapporto OMI dell’Agenzia delle Entrate,…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Ancona, segnali di ripresa dal residenziale

    12.5.2016

    Il mercato immobiliare è in ripresa e le piccole e medie città italiane mostrano segnali più positivi rispetto a quelli dei grandi centri urbani. Il…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Il mercato immobiliare a Bergamo è in crescita

    25.2.2016

    Il mercato immobiliare a Bergamo è in leggera risalita nel terzo trimestre 2015 secondo l’Osservatorio dell’Agenzia delle Entrate. Le transazioni sono state 2.337 contro le 2.011…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Le compravendite a Brescia sono dinamiche

    27.1.2016

    Le compravendite a Brescia sono dinamiche, in crescita di circa il 5%, anche se sono state contate circa 51.000 case invendute, cifra sopra la media…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Lecce, perla del Salento preferita dagli stranieri

    12.5.2016

    Secondo le ultime analisi di Scenari Immobiliari, nel 2015 la Puglia è stata la prima meta in Italia per gli acquirenti provenienti dall’estero, superando anche…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Ravenna, due nuovi quartieri in costruzione

    14.3.2016

    C’è fermento nel settore immobiliare di Ravenna. L’incremento delle compravendite è stata nell’ultimo periodo del 7,6% mentre i prezzi continuano a calare: se a febbraio…

    Leggi articolo

    Vendere comprare nelle città

    Reggio Emilia esempio di sviluppo

    8.4.2016

    Le tendenze dei mercati cosiddetti “intermedi” mostrano segnali più positivi rispetto a quelli delle grandi città. E’ quanto è stato confermato dal recente Osservatorio Immobiliare…

    Leggi articolo