Dove vivere a Bologna: i migliori quartieri in città

16.02.2021

Dove vivere a Bologna? La città emiliana offre numerose possibilità a chi decide di trasferirvisi: ideale per chi cerca una piazza a misura d’uomo, Bologna sa offrire al contempo buone opportunità di lavoro, una fervente vita culturale, divertimento, spazi verdi e ottimi collegamenti con città grandi e piccole in Italia. Ma quali sono i migliori quartieri dove trasferirsi a Bologna? Come si vive in città? Ecco una piccola guida alle zone più consigliate per cercare casa.

È il cuore della città: un quartiere racchiuso tra l’università e le vecchie mura, ora delimitate dalla circonvallazione dei viali. Qui ci sono i principali palazzi istituzionali e nobiliari, protetti da chilometri di portici: il regno di shopping, vita notturna e cultura. La zona alterna palazzi nobiliari sul corso principale a un’edilizia più popolare nelle vie laterali, zona oggi nota come “vecchia Bologna”. Gli spazi verdi privati e pubblici, la pedonalizzazione dell’area e la vicinanza ai servizi rendono questo quartiere particolarmente accogliente.

Quanto costa acquistare una casa nel quartiere centrale di Bologna? Mediamente, la quotazione è di circa 2.900 €/mq, ma si può arrivare anche ai 4.000 per gli immobili più lussuosi.

Uno dei quartieri più eleganti della città è certamente Santo Stefano, una vasta zona nata dalla fusione dei vecchi quartieri di Murri, Colli e Galvani, che si estende dal cuore della città verso sud, fino a comprendere alcune zone dei Colli Bolognesi. L’area più centrale comprende i palazzi più raffinati e l’area dello shopping di lusso: non a caso, è proprio questa la zona da sempre prediletta dall’alta borghesia bolognese come luogo dove abitare in città. Ancora oggi il quartiere è popolato da famiglie benestanti, anche nelle zone che via via si allontanano dal centro per favorire gli spazi verdi: a Santo Stefano sorgono infatti numerose ville in Stile Liberty e abitazioni di pregio, ma anche gli splendidi Giardini Margherita, i Giardini Lunetta Gamberini e il Parco di Monte Paderno. Data l’ampia estensione di Santo Stefano, anche i prezzi degli immobili in zona variano molto: la zona centrale è tra le più care della città, ma anche la zona pedecollinare e semi-collinare presenta quotazioni abbastanza elevate, che toccano le vette di 4.800 €/mq per le ville più prestigiose.

Bologna Santo Stefano

Il quartiere di Porto-Saragozza è situato nella zona sud-ovest di Bologna: un’area vasta, che parte dal centro storico e arriva al confine della città con il comune di Casalecchio di Reno toccando lo stadio, il santuario di Santa Lucia e le colline. Sono numerose le architetture e le testimonianze storiche presenti a Porto-Saragozza, che si configura come uno dei quartieri più interessanti dal punto di vista storico-artistico di Bologna. Lo spirito artistico del quartiere non rimane ancorato solamente al passato: è qui che sorge la Manifattura delle Arti, uno dei più ferventi distretti culturali della città, nato dove un tempo sorgeva la Manifattura dei Tabacchi e il macello. Qui si trovano diverse facoltà universitarie, il MAMbo (Museo d’arte moderna della città) e la Cineteca di Bologna, ma il centro è anche luogo di importanti manifestazioni culturali, mostre, festival e mercatini: svaghi e divertimenti di alta qualità, dunque, che fanno del quartiere una zona vivace ma al contempo tranquilla dove vivere. I prezzi delle abitazioni in zona? Si rimane mediamente sotto i 2.500€ al metro quadro, sia per quanto riguarda la più centrale zona Costa-Saragozza, che per quelle che si estendono fino ai margini della città, nell’area che circonda lo Stadio Dall’Ara.

A breve distanza dal centro storico, a ridosso del Fiera District e che include anche alcune zone rurali più tradizionali, il quartiere San Donato-San Vitale è certamente tra i più eterogenei della città.

Fiera District Bologna

Dotato di una posizione strategica a ridosso di importanti vie di comunicazione, il quartiere, nella primissima periferia di Bologna, riesce a mantenere quotazioni immobiliari convenienti, che fanno gola a investitori immobiliari in cerca di case da affittare a lavoratori e studenti. E da questi ultimi, gli studenti, il quartiere è particolarmente apprezzato come zona dove vivere: vicino a numerose facoltà universitarie, San Donato-San Vitale comprende anche tantissimi bar, ristoranti, discoteche e locali dedicati alla musica dal vivo, che rendono il quartiere particolarmente vivace per la movida.

Anche l’area della “Bolognina”, nel quartiere Navile, è sicuramente da tenere in considerazione quando si deve decidere dove viere a Bologna. Nato come quartiere operaio verso la fine dell’Ottocento, il quartiere si configura oggi come una delle realtà più multietniche della città, dove numerose famiglie da ogni dove hanno deciso di stabilirsi nel corso del tempo per la convenienza dei prezzi degli immobili e per la posizione particolarmente favorevole: a due passi dal centro storico e vicinissima alla stazione ferroviaria.

Negli ultimi anni la Bolognina è stata sottoposta a importanti interventi di riqualificazione urbana e sviluppo che hanno trasformato il volto di questa zona. C’è indubbiamente da dire che per gli abitanti della Bolognina, il senso di comunità e la semplicità a stringere legami è da sempre un punto di forza del quartiere. Quello che potrebbe essere un po’ il simbolo di questo forte senso di comunità è certamente il Mercato Albani, uno spazio pensato per essere un luogo di ritrovo per gli abitanti, dove artisti locali, piccole attività commerciali e chioschi convivono e collaborano, dando così valore al ricco tessuto sociale del quartiere.

Dopo questa veloce panoramica sui quartieri più gettonati per vivere a Bologna vuoi scoprire quali sono le occasioni immobiliari in città, in tutti i migliori quartieri bolognesi? Dai un’occhiata agli immobili in vendita a Bologna di UniCredit Subito Casa!

Vendi casa, con le carte in regola.