Investire in immobili: cosa c’è da sapere

     L’acquisto di immobili a scopo di investimento è un’attività complessa, che richiede una conoscenza del settore. In questo articolo abbiamo raccolto gli aspetti cruciali da tenere in considerazione quando si decide di investire in immobili.

    Cerchi un supporto esperto?

    Conoscere il settore immobiliare prima di investire

    Il settore immobiliare, al termine di una delle più gravi crisi sanitarie ed economiche a livello mondiale, nel 2021 aveva risposto abbassando i prezzi delle abitazioni, situazione che aveva determinato un forte interesse degli italiani verso l’acquisto di immobili.

    I dati relativi al 2022 parlavano di quotazioni in rialzo per il mercato, con valori positivi anche per quanto riguarda il volume di compravendite registrate entro la fine dell’anno.

    Per la prima parte del 2023 la situazione appariva incerta, a causa di politiche monetarie più restrittive e di un incremento dei tassi d’interesse. L’attuale contesto macroeconomico potrebbe far persistere un approccio cauto da parte degli istituti di credito nell’erogazione dei mutui, fondamentali per l’acquisto di immobili da parte degli italiani.

    Oltre al quadro di base, da segnalare alcuni trend del momento che possono influenzare il mercato immobiliare: la tenuta del mercato delle seconde case tra privati, ad esempio, riflette la propensione ad investimenti orientati verso affitti a breve termine. Questo andamento trova conferma nel caro affitti segnalato dagli studenti universitari nelle principali città italiane.

    L’acquisto di una seconda casa può però avere duplice finalità a seconda delle proprie esigenze: essere appunto acquisita per la messa a reddito, sia per affitti turistici che per affitti di lunga durata, oppure per essere vissuta in un primo momento e successivamente rivenduta, magari in seguito ad alcuni lavori di ristrutturazione che permettono di accrescere il valore dell’immobile.

    L’investimento immobiliare, insomma, va tarato in base alle proprie necessità e obiettivi. In ogni caso, un’operazione di questo tipo va studiata accuratamente: cerchiamo in questo articolo di portare in evidenza i principali fattori da valutare quando si decide di acquistare una casa a scopo di investimento.

    #1 Zona dell’immobile e interventi nel tempo

    Investire in immobili non significa soltanto tenere conto del prezzo d’acquisto, perché il mercato è soggetto a oscillazioni. Per capire se l’investimento può essere proficuo nel breve e nel lungo termine, è importante studiare bene la zona in cui è situato l’immobile.

    I principali fattori che incidono sul prezzo sono proprio la collocazione geografica e il tempo. Quest’ultimo, in particolar modo, non può essere tralasciato: infatti, se una casa è situata in una zona in cui sono previsti miglioramenti urbanistici, il valore tenderà probabilmente ad aumentare. Allo stesso modo, se nella zona è in programma la costruzione di strutture che possono deturpare il circondario, l’immobile potrebbe perdere valore.

    #2 Stato dell’immobile

    Investire in immobili può significare anche comprare un appartamento o una casa sostenendo un determinato costo, pensando poi di rivendere in un secondo momento a un prezzo più alto, in modo da ricavare un certo margine di guadagno.

    Per questo motivo è importante capire quando un immobile è redditizio e quando non lo è. Un’abitazione con caratteristiche strutturali difficilmente risanabili e che non soddisfano pienamente le richieste espresse dalla domanda potrebbe essere difficile da ricollocare sul mercato. Al contrario, potrebbero invece esistere soluzioni datate e in vendita a prezzi convenienti che con una buona ristrutturazione ritroverebbero l’antico splendore, accrescendo il proprio valore.

    #3 Immobili già locati

    Una soluzione che può essere presa in considerazione da chi vuole acquistare una casa da mettere a reddito è l’acquisto di un immobile già affittato: quali sono i fattori da valutare in questo caso? Innanzitutto il prezzo, che potrebbe essere minore rispetto a quello di una casa sfitta. Da osservare, in un investimento immobiliare di questo tipo, la regolarità dei pagamenti da parte dell’inquilino: se dimostra di aver sempre versato correttamente il canone nel corso degli anni, lo si potrà ritenere con molta probabilità affidabile, eliminando così l’incombenza di ricercare un affittuario e riscuotendo da subito il canone mensile, aspetti che devono invece essere considerati quando si acquista una casa sfitta con lo scopo di locarla.

    #4 Il momento in cui investire

    Quando si decide di investire in un immobile, bisogna prestare attenzione al momento in cui si porterà a termine la compravendita. È importante, infatti, essere consapevoli che il mercato immobiliare è soggetto a oscillazioni in relazione al contesto macroeconomico di riferimento: prima di concludere l’affare, è quindi importante capire in quale fase ci si colloca per evitare sorprese.

    #5 Spese iniziali e di mantenimento

    Nell’acquisto di un immobile per investimento si potrebbe essere portati a pensare solo alla redditività. È importante, invece, prestare molta attenzione anche alle spese di mantenimento, alle tasse e agli imprevisti che possono sopraggiungere. Per questo motivo, è bene valutare ogni spesa, in modo che l’acquisto sia effettivamente profittevole.

    #6 Immobile residenziale o commerciale?

    Investire in immobili residenziali potrebbe risultare più semplice rispetto all’acquisto di terreni o immobili a carattere commerciale. Questi ultimi, infatti, richiedono adempimenti più complessi, proprio per la loro natura.

    Prima di acquistare un immobile commerciale bisogna essere consapevoli del tipo di attività in cui si è interessati a investire e, successivamente, valutare lo stato locativo dell’immobile. Se si rileva un’attività già avviata, è necessario tenere conto non solo dell’immobile, ma anche del suo conduttore, e valutare tutte le informazioni legate alla sua storia commerciale.

    #7 Forma degli accordi

    Quando si decide di investire nell’acquisto di un immobile, in qualsiasi situazione, bisogna evitare di stringere accordi verbali. È buona norma affidarsi a un’agenzia immobiliare o a professionisti del settore, che saranno capaci di prendere in carico tutte le fasi della compravendita, tutelare tutte le parti coinvolte e redigere le proposte per iscritto.

     

     

    Articoli in evidenza

    rogito-immobiliare

    Come fare

    Il rogito: che cos’è e a cosa serve nella compravendita di un immobile

    3.8.2023

    Che cos’è e a cosa serve il rogito nella compravendita immobiliare? Ecco tutti i chiarimenti necessari per arrivare preparati a questo importante momento.

    Leggi articolo

    Come fare

    Direttiva europea case green: cosa prevede per l’Italia

    21.3.2023

    Il 14 marzo il Parlamento Europeo ha approvato il testo che prevede la ristrutturazione degli immobili europei con l’obiettivo di renderli più sostenibili per l’ambiente. Ecco cosa prevede la Direttiva UE relativa alle case green.

    Leggi articolo

    Come fare

    Valore immobile classe energetica G: opportunità e trasformazione con la Direttiva europea case green

    20.9.2023

    Con la Direttiva europea che mira a rendere gli immobili sempre più sostenibili dal punto di vista ambientale, gli immobili di classe energetica G possono rappresentare…

    Leggi articolo